dima
  • Ellis Island

    ELLIS ISLAND è l’isolotto alla foce del fiume Hudson nella baia di New York. Antico arsenale militare, dal 1892 al 1954, anno della sua chiusura, fu il principale punto d'ingresso per gli immigranti che sbarcavano negli Stati Uniti; all'arrivo, gli aspiranti cittadini statunitensi dovevano esibire i documenti di viaggio: mentre i medici del Servizio Immigrazione controllavano rapidamente lo stato di salute di ciascuno di loro, l’Ufficio del Registro li schedava registrandone le generalità e documentandone le caratteristiche fisiche attraverso due fotografie effettuate di fronte e di profilo. Scrive il curatore Walter Guadagnini “Stefano Mazzali nel progetto Ellis Island sembra giocare su un doppio registro, da un lato quello della foto segnaletica, di una pratica che rimonta agli albori della fotografia evidenziandone almeno due caratteri primari, quelli di documento e di archivio (senza dimenticare i “13 Most Wanted Men” di Warhol), dall'altro quello della stratificazione dell'immagine come figura della memoria e della molteplicità della visione nella sua continua oscillazione tra realtà e invenzione”. Senza psicologia, con il gusto di un'azione che contempla il tempo del farsi come parte integrante dell'opera.